Pubblicità
Testata

Sabato 5 agosto 2017

Belluno, una grande folla al funerale di don Francesco Soccol






Il vescovo Renato, che ha presieduto la celebrazione, lo ha ringraziato per la testimonianza di cui è stato capace.

Iscriviti alla Newsletter

C’era davvero tanta gente questa mattina (sabato 5 agosto) nella cattedrale di Belluno per partecipare al funerale di don Francesco Soccol, il parroco di Cavarzano e di Sargnano (e vicario foraneo di Belluno) morto improvvisamente lo scorso 2 agosto durante una gita in montagna con due amici.

Nell’omelia il vescovo Renato, che presiedeva la celebrazione (alla quale, insieme a decine e decine di sacerdoti, ha preso parte anche il vescovo emerito Giuseppe), ha ringraziato don Francesco per la testimonianza di cui è stato capace. "Noi tutti - ha detto il Vescovo - ciascuno in modo originale, portiamo i riflessi del volto luminoso di don Francesco. () Ognuno di noi ha potuto trovare un’ospitale dimora in lui. Sì, don Francesco si faceva abitare. Andavi da lui e ti sembrava di tornare a casa, di attingere quell’affetto che ti fa sentire amato, atteso da qualcuno, protetto nelle proprie fragilità. Non c’erano appartenenze particolari – né etniche, né culturali, né religiose – che potessero impedirgli di farsi amico e fratello".

Poi, in un altro passaggio dell’omelia: "Grazie, don Francesco: hai fatto sì che Dio fosse alla misura del tuo sorriso, del tuo affetto, della naturalezza con cui ci hai incontrati, della leggerezza e discrezione dello starci accanto e dell’entrare in empatia con ognuno, qualsiasi fosse la sua appartenenza di fede e di cultura".

"Forse - ha fatto presente ancora il Vescovo rivolto a don Francesco - oggi ci stai dicendo di non pensare e non dire che Dio ti ha voluto con sé, privandoci di un uomo squisito e di un prete capace di amare come hai cercato di essere tu. Forse ci stai suggerendo di cercarlo ancora questo Dio inaspettato in una vita buona, in una umanità che impara a riconciliarsi e ad aiutarsi".
Al termine della celebrazione il vicario generale, don Luigi Del Favero, ha tracciato una breve biografia di don Francesco, sottolineando la sua capacità di incontrare e accogliere e anche di aiutare concretamente tutti, riassumendo infine la sua figura in tre parole: fratello, amico e padre.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253