Pubblicità
Testata

Venerdì 9 febbraio 2018

Cortina, scoperto un traffico illegale di capi di abbigliamento






A partire da diversi furti alla Cooperativa di Cortina (nella foto) tre cittadini polacchi sono stati denunciati anche per associazione a delinquere (nella seconda foto la refurtiva e le borse appositamente schermate per eludere i servizi antitaccheggio).

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Lunedì 5 febbraio i poliziotti del Commissariato di Cortina D’Ampezzo, nell’ambito di un’indagine condotta anche con personale in borghese, hanno sorpreso due cittadini polacchi di 37 e 32 anni a compiere diversi furti di capi di abbigliamento ai danni della Cooperativa di Cortina.

I due polacchi, fermati a poca distanza dal noto negozio con l’ausilio di una Volante del Commissariato, sono stati trovati in possesso della refurtiva, oltre che di alcune borse appositamente schermate per eludere i servizi antitaccheggio; i poliziotti a questo punto hanno tratto in arresto i due e li hanno associati alla casa circondariale di Belluno.

Gli uomini del Commissariato, anche con l’ausilio delle telecamere a circuito chiuso del negozio, sono riusciti a ricostruire i movimenti dei polacchi, individuando la presenza anche di un terzo componente della "banda", di 31 anni, anch’esso cittadino polacco.

Una perquisizione condotta presso l’hotel dove hanno alloggiato i tre ha permesso di rinvenire ulteriori elementi di prova in base ai quali è stata ipotizzata l’esistenza di una vera e propria organizzazione finalizzata al compimento in Italia di furti sistematici di capi di valore che poi venivano destinati al mercato estero. Per i tre malviventi, oltre alla denuncia per furto aggravato, è scattata anche quella per associazione a delinquere.

Tutta l’attività, andata avanti senza interruzioni per due giorni, è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Belluno.
L’attività degli uomini del Commissariato di Cortina ha consentito di scoprire, dunque, un traffico di capi di abbigliamento che dall’Italia muoveva verso mercati esteri, un "modus Operandi" che era stato già riscontrato sul territorio in occasione di precedenti indagini sempre condotte dagli agenti di Cortina.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253