Pubblicità
Testata

Lunedì 14 maggio 2018

L’Italia e il mondo, in un minuto (Sir)






Gerusalemme, oggi il trasferimento dell’ambasciata Usa. Udine, Fontanini (centrodestra) nuovo sindaco.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo



Gerusalemme: trasferimento ambasciata Usa, tensione in città e misure di sicurezza

Ore di attesa e di tensione a Gerusalemme. È attesa per oggi l’apertura dell’ambasciata Usa a Gerusalemme (finora a Tel Aviv) mentre è massima l’allerta sul fronte di Gaza e in Cisgiordania. Tra misure di sicurezza imponenti, oggi la decisione di Donald Trump dello scorso dicembre diventerà realtà, nonostante la forte opposizione del mondo arabo, dei palestinesi, dell’Onu e di gran parte della comunità internazionale, Ue compresa, tutti preoccupati che questo passaggio segni la fine della soluzione a 2 Stati. Ma è proprio sul fronte europeo che si registrano le prime crepe: quattro nazioni delle 28 dell’Ue - Austria, Ungheria, Romania e Repubblica Ceca - hanno risposto all’invito del ministero degli Esteri israeliano e invieranno loro rappresentanti all’inaugurazione nel quartiere di Arnona, nella parte ovest della città. Una scelta che sarà seguita, almeno per due di loro (Repubblica Ceca e Romania), dalla decisione di spostare, anche se con tempi e modalità diverse, la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Ieri in serata il premier Benyamin Netanyahu ha ricevuto la delegazione Usa inviata dal capo della Casa Bianca per la cerimonia di oggi tornando a definire «storica e coraggiosa» la mossa di Trump. Mentre l’Olp ha lanciato un nuovo appello agli americani «a revocare la loro disastrosa e irresponsabile decisione di muovere l’ambasciata nella Gerusalemme occupata». Moltiplicate nella capitale e in altre città israeliane le misure di sicurezza. Sono previsti cortei di protesta.



Indonesia: attacco kamizaze a Surabaya, dieci feriti. Ieri terroristi in azione in tre chiese, otto morti

Dieci feriti, quattro agenti e sei civili: è il bilancio del nuovo attacco kamikaze nella città indonesiana di Surabaya, dove stamani una motocicletta bomba è stata scagliata contro il quartier generale della polizia. Ieri - riferisce l’Ansa - attentati suicidi in tre chiese della città hanno ucciso almeno otto persone, oltre alle sei della stessa famiglia che hanno effettuato gli attacchi; 41 invece i feriti.



Francia: arrestato un amico dell’attentatore di Parigi. Assalto ai passanti con un coltello, una vittima

Un amico dell’attentatore di Parigi, Khamzat Azimov, è stato arrestato nel pomeriggio di ieri a Strasburgo. Nella capitale domenica è tornato il terrore: un uomo, poi identificato come ceceno,21 enne incensurato, aveva assaltato i passanti con un coltello in pieno centro, a due passi dal teatro dell’Opera. È stato poi abbattuto dalla polizia. Un morto e quattro feriti il bilancio dell’assalto. La vittima,29 anni, stava passeggiando in rue Monsigny quando è stato aggredito dall’assalitore. Il killer era nato in Cecenia nel 1997. Naturalizzato francese nel 2010, era incensurato anche se schedato come a rischio radicalizzazione islamica.



Russia: manifestazione a Mosca per internet libero. La polizia ferma 30 partecipanti

Quasi 3mila persone hanno partecipato, secondo gli organizzatori, alla protesta «Per internet libero» contro il blocco di Telegram svoltasi ieri in viale Sakharov, a Mosca: lo sostiene il coordinatore locale di Open Russia, Andrei Pivovarov, citato dall’agenzia Interfax. Secondo la polizia, alla manifestazione hanno invece preso parte circa mille persone. Le forze dell’ordine russe hanno fermato «circa 25-30 attivisti del Fronte di sinistra, anarchici e rappresentanti di altre organizzazioni», durante la manifestazione nel centro di Mosca: lo sostiene il coordinatore del Fronte di sinistra Serghiei Udaltsov. La polizia - riporta sempre l’agenzia Interfax - ha detto che gli attivisti sono stati fermati per «aver scandito slogan politici non in sintonia con l’oggetto dichiarato della manifestazione».



Politica: Udine, Fontanini (centrodestra) sindaco al fotofinish. «Lavorerò per avere il consenso di tutti»

È Pietro Fontanini, candidato del centrodestra, il nuovo sindaco di Udine. Dopo un ininterrotto testa a testa, ha battuto l’antagonista del centrosinistra, Vincenzo Martines, per pochissimi voti. Per Fontanini hanno votato 18.830 elettori (50,37%); per Martines 18.550 (49,63%). Le schede nulle sono state 382, i voti contestati e non assegnati 5; il totale votanti è di 37.920. Fontanini (Lega), già presidente della Provincia, ha quindi sorpassato di 280 voti Martines. «Siamo riusciti a fare a Udine quello che il centrodestra ha fatto in Regione e in tanti altri comuni. È una vittoria al fotofinish, la città appare divisa in due blocchi, ma lavorerò per ottenere il consenso anche di chi non mi ha votato, perché il sindaco deve essere il sindaco di tutti», ha detto il nuovo primo cittadino.



Trento: 400mila Alpini per l’adunata nazionale alla presenza del presidente della Repubblica Mattarella

Circa 400mila alpini hanno pacificamente invaso ieri la città di Trento per la sfilata della 91ma adunata degli alpini. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato a Trento per prendere parte all’adunata. Al suo arrivo, il presidente Mattarella ha deposto una corona di fiori ai piedi del Mausoleo Cesare Battisti e due corone al Cimitero monumentale, rispettivamente al Monumento in memoria dei caduti dell’esercito austro-ungarico e al Monumento ossario dei soldati italiani caduti durante la prima guerra mondiale. Mattarella ha quindi assistito allo sfilamento degli alpini, giunti da tutta Italia, con il sorvolo della Pattuglia acrobatica nazionale.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253