Pubblicità
Testata

Martedì 12 giugno 2018

Inaugurata dai Bellunesi di Roma la mostra dell’Abm






La mostra è realizzata dall’associazione «Bellunesi nel mondo»: è da tempo itinerante e concluderà il suo percorso quest’anno.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

La centralissima sede dell’Ana, Associazione nazionale degli Alpini, di Roma, ha ospitato, nel mese di giugno, la riunione dei Bellunesi residenti nella capitale. Promotore dell’incontro, l’ex funzionario del Ministero degli Esteri Vittoriano Speranza, il quale, dopo l’incontro organizzato nello scorso inverno, ha inteso riunire nuovamente gli aderenti al Comitato Bellunesi di Roma, per inaugurare la mostra fotografica «Prima Guerra mondiale. Movimenti nelle retrovie. Occupazioni. migrazioni. Emancipazioni». Tale mostra, realizzata dall’Abm, con il contributo della Regione Veneto, che conta tra i partner Comune di Belluno, Veneti nel mondo, Trevisani e Veneziani nel mondo, è da tempo itinerante e concluderà il suo percorso quest’anno, per la fine delle celebrazioni del centenario del grande conflitto mondiale. Quale luogo migliore, quindi, per esporla se non Roma, in particolare la sede degli Alpini. Hanno accolto l’invito una quarantina di persone, bellunesi e simpatizzanti, e alcuni rappresentanti dei Veneti nel mondo di Roma, tra cui il presidente Claudio Modena, con il quale sono state valutate varie possibilità di collaborazione. Durante l’incontro non sono mancate le sorprese: incontri casuali che hanno evocato ricordi e rinverdito vecchie amicizie. Diversi aderenti al gruppo che non hanno potuto partecipare hanno inviato il loro saluto e augurio manifestando la loro vicinanza. Dopo avere potuto ammirare i pannelli, portati da Belluno, il coordinatore Speranza ha salutato i presenti e ricordato i sacrifici di molte famiglie a causa della Grande Guerra, compresa l’emigrazione. Egli ha quindi introdotto la cantante lirica Riccarda Colla e Paolo Barella, funzionario del Mae, i quali sono entrambi figli di Cavalieri di Vittorio Veneto e Medaglia d’Oro. Ha quindi preso la parola il consigliere Abm Irene Savaris, giunta da Belluno con il direttore Marco Crepaz, per portare il saluto del presidente e dell’Associazione bellunesi nel mondo, ricordando le iniziative più importanti del sodalizio e invitando a visitare la sede, durante i prossimi soggiorni estivi. A seguire, il direttore Crepaz ha illustrato le ragioni e le caratteristiche della mostra, che dopo questa prima presentazione, sarà esposta presso l’Unar (Unione associazioni regionali Roma). A seguire, la benedizione di don Antonio Fedreghini, figlio di una bellunese, anch’egli con una lunga storia di famiglia legata alle vicende nazionali tema della mostra. Il graditissimo «rancio alpino» l’ha quindi fatta da padrone, servito dallo staff della sezione Ana di Roma, guidata dal presidente Federici. Il gruppo bellunese di Roma, attraverso il coordinatore Speranza, è sempre molto attento alle tematiche che interessano la nostra provincia e non manca di esprimere le proprie opinioni e dimostrare solidarietà a varie iniziative che partono da Belluno, ma anche di respiro nazionale. È, infatti, di poche settimane fa, la partecipazione, assieme al presidente De Bona, al convegno, promosso dalla Farnesina, sul tema «Turismo delle radici», argomento caro alla nostra associazione, la quale già da diversi decenni attua tali viaggi, anche grazie ai contributi della Regione Veneto.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253