Pubblicità
Testata

Mercoledì 21 novembre 2018 ‐ Pres. Vergine Maria, Madonna della Salute

"Chiamata a raccolto", oltre 10 mila visitatori






Grande successo per la manifestazione che si è svolta a Seren del Grappa.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

«Le potenzialità ci sono, i numeri, l’entusiasmo e i progetti anche, non possiamo che auspicate un futuro sempre più all’insegna della biodiversità». Questo il commento del Gruppo Coltivare Condividendo a pochi giorni dall’ottava edizione di "Chiamata a raccolto", la manifestazione dedicata alla biodiversità, al coltivare sano, alla mostra, scambio e donazioni di sementi antiche e riproducibili.


Pubblicità

Tantissimi espositori da tutta Italia e oltre 10 mila visitatori si sono ritrovati sabato 17 e domenica 18 novembre a Seren del Grappa.

Sabato è stato ampio spazio ai convegni: il primo dedicato all’impatto dei cambiamenti climatici nel Bellunese, con una lucida relazione di Cesare Lasen (comitato scientifico del Cai); il secondo all’alimentazione, a cura dei Nutrizionisti per l’ambiente, in cui si è sottolineata l’importanza di una alimentazione sana basata sulla biodiversità.

Il momento clou di "Chiamata a raccolto" è stato domenica, quando sono arrivate a Seren del Grappa ben 25 tra le realtà più significative d’Italia per quel che concerne la tutela della biodiversità e il recupero di sementi antiche.
Centinaia le varietà di patate, di mais, di fagioli, cereali, orticole e fiori che sono state mostrate, scambiate e donate a migliaia di visitatori. Presenti anche due scuole: quella di Soranzen e quella di Auronzo, che hanno portato e distribuito i semi ottenuti dai loro orti scolastici e proposto degli interessantissimi laboratori.

Chiamata a raccolto è stata anche un importante momento di confronto e proposta. I rappresentanti delle varie realtà presenti hanno animato una tavola rotonda, a cui hanno partecipato anche due componenti della Commissione Agricoltura del Parlamento, i deputati Luca De Carlo e Sara Cunial. Entrambi hanno espresso vivo apprezzamento per l’attività delle varie associazioni e dichiarato di voler sostenere, nell’ambito della nuova legge sul biologico, la possibilità che le aziende auto producano le sementi anche antiche e riproducibili da usare e vendere.

Dalla tavola rotonda esce anche un importante progetto che vede l’alleanza tra le varie associazioni di salvatori di semi: una stretta collaborazione per diffondere sempre più la biodiversità e per dare vita a una filiera sana e trasparente, basata sulle varietà antiche, riproducibili e tradizionali.

«Crediamo che il grande successo di questa edizione di "Chiamata a raccolto" ci faccia capire quanto interesse ci sia per un coltivare sano e sostenibile», proseguono da Coltivare Condividendo, «capace di produrre cibo nutriente e non contaminato e nel contempo di tutelare la fertilità del suolo, la salubrità di acqua e territorio. Un coltivare che ha enormi potenzialità soprattutto in una zona come la provincia di Belluno, terra dall’enorme patrimonio di biodiversità e non ancora intaccata dall’agricoltura intensiva zeppa di pesticidi».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253