Pubblicità
Testata

Giovedì 29 novembre 2018 ‐ S. Saturnino

Infortuni sul lavoro, 2.305 le denunce






Il dato provinciale riferito al periodo tra gennaio e ottobre 2018. Sette i morti. Tollot (Anmil): «Si proceda con informazione e prevenzione».

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Il numero delle vittime del lavoro in Italia è costantemente in aumento. I dati diffusi dall’Inail, attraverso gli Open data, segnano un ulteriore aggravamento di un bilancio che diventa sempre più intollerabile. A livello nazionale, le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto nei primi dieci mesi di quest’anno hanno registrato un saldo molto pesante e pari a +9,4%: 945 morti sul lavoro, vale a dire 81 in più rispetto agli 864 denunciati tra gennaio e ottobre del 2017. Solo nel territorio bellunese, da gennaio a ottobre di quest’anno sono state 2.305 le denunce di infortunio e 7 i morti sul lavoro.


Pubblicità

«Stiamo assistendo impotenti ad un drammatico crescendo», dichiara il presidente territoriale dell’Anmil (Associazione fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) Aldo Tollot, «che già nei primi otto mesi dell’anno aveva registrato un aumento degli infortuni mortali del 4,5%, salito poi a +8,5% nel mese successivo per toccare, infine, quota +9,4% nell’ultima rilevazione. Quello che ci colpisce è che la crescita delle morti sul lavoro ha riguardato in particolare i lavoratori under 34 e gli over 65, dimostrando che a pagare i costi umani più pesanti sono ancora i lavoratori più giovani, vittime di un sistema lavorativo sempre più precario e insicuro, e gli anziani, che non possono più confidare in una prestanza fisica idonea a certi ambienti lavorativi».

«Questi sono numeri che ci impongono di rivolgere il massimo impegno alla diffusione della cultura della sicurezza e della formazione professionale», aggiunge, «ma non dovrebbe trattarsi di una formazione meramente normativa, quanto piuttosto di una formazione con un approccio metodologico nuovo, basato su un’analisi innovativa del rischio e sul valore e l’efficacia della testimonianza ».

Tollot conclude poi con una riflessione: «Mai come in questo caso ci rendiamo conto che la sicurezza è figlia diretta della corretta prevenzione; la mancanza di verifiche nella costruzione e manutenzione delle infrastrutture, la carenza di ispezioni e controlli, la scarsa adozione di misure collettive e individuali di protezione, stanno generando una situazione cui non possiamo restare indifferenti. Soprattutto pensando che dietro questi numeri spesso ci sono i nostri figli».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253