Pubblicità
Testata

Venerdì 30 novembre 2018 ‐ S. Andrea Apostolo

«Mai lasciarsi andare. Tramutare le sconfitte in nuovi orizzonti»






Il messaggio lanciato dal campione Oscar De Pellegrin ai ragazzi della scuola media di Ponte nelle Alpi.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Un percorso di promozione dell’inclusione e della cittadinanza attiva. È quello avviato dalla scuola media "Pertini" di Ponte nelle Alpi, che lo scorso 27 novembre ha ospitato il campione paralimpico Oscar De Pellegrin, il quale ha incontrato gli studenti delle classi terze.


Pubblicità

De Pellegrin ha invitato i giovani a darsi degli obiettivi, essere determinati, apprezzare la vita. L’incontro è stato incentrato sulle parole e sulle narrazioni tratte dall’autobiografia che il presidente dell’Assi (Associazione sociale sportiva invalidi) di Belluno ha scritto "a sei mani" con Marco D’Incà e Francesca Mussoi: "Ho fatto centro" (Infinito edizioni), pubblicato ad inizio 2018.

De Pellegrin ha sottolineato come la sua vita sia cambiata profondamente dopo l’incidente, che lo ha visto cadere, rialzarsi e rinascere proprio grazie allo sport e a valori come l’amicizia e la famiglia, riuscendo a trovare una vita felice e soddisfacente e a portare avanti progetti e attività. Il campione ha raccontato le sue battaglie per lo sport e nello sport: dando ascolto e accettando l’aiuto degli altri, è riuscito a superare i momenti molto dolorosi. La chiave per non lasciarsi andare è «fare tesoro della proprie sconfitte e tramutarle in orizzonti nuovi».

Le sue parole hanno spaziato da concetti chiave come "lottare" e "gratitudine" a "volontà" e "determinazione", fino ad arrivare a "solidarietà". Proprio a quest’ultima parola del "Vocabolario di Oscar" si sono ricollegati gli alunni delle classi terze per presentare a margine dell’incontro un video da loro realizzato (con la collaborazione gli insegnanti di arte e immagine e di lettere) in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne dello scorso 25 novembre. Un video in cui gli alunni mostrano i loro volti segnati da una lacrima o livido arancione o rosso, in segno di solidarietà con tutte le donne vittime degli uomini. I ragazzi, in fase di presentazione del video, hanno anche citato la "Convenzione europea di Instabul" del ,aggio 2011, tesa a prevenire la violenza domestica, proteggere le vittime e perseguire chi si macchia di un crimine che in Italia finora ha visto morire 106 donne, una ogni 72 ore.

La dirigente del Comprensivo, Orietta Isotton, ha invitato tutti i ragazzi a far tesoro delle parole di Oscar, perché nella vita, per i motivi più diversi, ciascuno può trovarsi in situazioni di difficoltà e grande dolore. Quello di De Pellegrin è un messaggio di speranza.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253