Pubblicità
Testata

Giovedì 6 dicembre 2018 ‐ S. Nicola di Bari

Confindustria Belluno "tifa" per Borgo Valbelluna






Il direttore Ferrazzi: «La fusione tra Trichiana, Mel e Lentiai è più che auspicabile». Il referendum è domenica 16 dicembre.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

«Il 16 dicembre prossimo gli abitanti di Trichiana, Mel e Lentiai (nella foto i tre sindaci, ndr) possono cambiare in meglio il loro futuro e quello dei giovani, delle famiglie, degli anziani, delle attività economiche e di tutti coloro che qui vivono: è sufficiente che vadano a votare per il referendum e dicano sì alla nascita di Borgo Valbelluna». È quanto afferma Andrea Ferrazzi, direttore di Confindustria Belluno Dolomiti, che da sempre sostiene i percorsi di modernizzazione e semplificazione del sistema degli enti locali.


Pubblicità

«Un Comune unico, in tutti i sensi. Unico perché esito della fusione degli attuali tre municipi della Sinistra Piave», mette in risalto. «E unico perché somma virtuosa di tesori ambientali, storici, architettonici e paesaggistici di particolare valore. Non sostenere attivamente questo progetto sarebbe un errore imperdonabile».

«L’associazione è da sempre favorevole a questi processi di aggregazione e di semplificazione amministrativa, perché contribuiscono a rendere un territorio più competitivo e la sua governance, anche provinciale, più efficace ed efficiente», aggiunge. «Come abitante di Trichiana, originario di Mel e con fortissimi legami con Lentiai, non posso che auspicare e sostenere con forza questo progetto di fusione, che unirebbe tre Comuni molto simili, per storia, tradizioni e caratteristiche territoriali. Nelle molte riunioni con la cittadinanza gli amministratori hanno spiegato benissimo le caratteristiche del progetto e gli enormi vantaggi economici, che si tradurranno in servizi migliori e in tariffe più basse. Il che significa, ad esempio, scuole più accoglienti e attrezzate per i bambini, una maggiore manutenzione delle strade e del territorio nel suo insieme, più sostegno alle attività economiche, sportive e di volontariato. Insomma, un importante impulso per migliorare la qualità della vita di tutti i residenti».

«Forse, sarebbe stato auspicabile che questa iniziativa partisse dai cittadini, anziché dalle tre amministrazioni comunali», dice ancora. «Confondere il voto sulla fusione con un giudizio sul sindaco e la sua maggioranza sarebbe però un gravissimo errore, perché i benefici saranno per tutti i cittadini, soprattutto se l’amministrazione che verrà sarà in grado di agire adeguatamente, investendo le risorse che ci saranno secondo una visione ben precisa del futuro di Borgo Valbelluna».

«Ai vantaggi economici e al miglioramento dei servizi e quindi della qualità della vita», conclude, «si aggiunge un altro elemento fondamentale: la bellezza e la ricchezza naturale e culturale di questo territorio stretto tra le Prealpi e il Piave. Basti pensare alla fioritura dei narcisi in Pian de Coltura o in Zelant, al Castello di Zumelle, all’Olt de Val d’Arch, ai Brent del l’Art, a Cateldardo. Un patrimonio unico che non può che rendere orgogliosi di vivere in un Comune così, peraltro con un nome azzeccato».




Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253