Pubblicità
Testata


Bing

Sabato 5 agosto 2017

Cortina, disposta l’evacuazione di 12 abitazioni






Una misura prudenziale perché le previsioni meteo annunciano possibili, forti temporali anche in Ampezzo. Ancora chiusa la strada regionale 48 delle Dolomiti.

Poiché le previsioni meteo evidenziano un possibile peggioramento nelle prossime ore delle condizioni del tempo, con nuove precipitazioni piovose anche nella zona di Cortina, la Questura di Belluno informa che è stata disposta l’evacuazione di 12 abitazioni nella frazione di Alverà, per un totale di 50 persone (Alverà, lo ricordiamo, è la località che è stata toccata dal movimento franoso che dal monte Cristallo ha interessato il torrente Rio Gere e il torrente Bigontina, che sono esondati in tre punti sulla strada regionale 48 " delle Dolomiti", provocando purtroppo la morte di una automobilista di passaggio).


Per proteggere gli immobili evacuati da possibili atti di sciacallaggio, è stato disposto da subito un servizio di vigilanza da parte delle forze di Polizia. Il personale impiegato - spiega il comunicato della Questura - avrà l’esclusivo compito di controllo sulle abitazioni per prevenire e reprimere eventuali tentativi di furto.

E’ stato disposto altresì che i Comandanti delle forze di Polizia in loco garantiscano personale reperibile da impiegare nel caso di nuove situazioni di emergenza e fino al cessare della stessa emergenza.

Da parte loro, a conclusione della giornata, i Vigili del fuoco fanno presente che le operazioni di soccorso stanno proseguendo vista l’enorme quantità d’acqua, fango e detriti che si è scaricata nel torrente Bigontina che è esondato in località Rio Gere in prossimità di un ponte sulla strada regionale 48. Oltre a investire un’auto e trascinarla per 400 metri (provocando la morte della sua conducente) la colata detritica è esondata anche al ristorante Lago Scin, dove sono stati evacuati sei dipendenti. Fango, detriti e allagamenti hanno interessato anche diverse abitazioni.

I Vigili del fuoco, insieme con tutti i componenti del sistema della protezione civile, hanno subito iniziato a liberare le case dal fango, a recuperare le auto, a ripristinare le strade e a mettere in sicurezza dei luoghi.

Il direttore interregionale dei Vigili del fuoco, Fabio Dattilo, insieme con il presidente della Regione, Luca Zaia, ha effettuato intorno a mezzogiorno un sopralluogo aereo per avere una visione globale della situazione.


Presso il Distaccamento dei Vigili del fuoco di Cortina è stato istituito il Centro coordinamento soccorsi che è presieduto dal prefetto di Belluno. I Vigili del fuoco di Cortina, Belluno, Venezia, Verona, Treviso, Vicenza e i volontari di Borca, Cortina, Auronzo e San Vito sono presenti con circa 50 unità, e oltre 20 automezzi tra cui diverse macchine movimento terra e nella notte monitoreranno la situazione.

Il direttore interregionale Dattilo ha ringraziato tutti i componenti permanenti e volontari dei vigili fuoco per la professionalità dimostrata durante i soccorsi.





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook
Le foto dell’Amico su Flickr
L’Amico su YouTube
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy



Copyright © 2000-2017 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253