Pubblicità
Testata

Bing

Venerdì 10 novembre 2017

L’Italia e il mondo, in un minuto (Sir)






Migranti, 50 morti in mare in naufragio lunedì. Dj Fabo, al via processo con video choc. Reporter aggredito, arrestato Roberto Spada.

Iscriviti alla Newsletter

Migranti, 50 morti in mare in naufragio di lunedì. Anche un bimbo di 2 anni
Ha visto la morte in faccia in alto mare sul gommone che stava affondando poi il salvataggio ma anche la tragedia: il suo bimbo di due anni e mezzo non ce l’ha fatta. È morto annegato. Lo ha tenuto in braccio morto sulla nave Sea Watch, dopo il salvataggio, nel viaggio fino a Pozzallo. La donna, nigeriana di 26 anni, era partita sola col figlioletto. Il marito aveva raggiunto l’Italia mesi fa. La donna, che poi a Pozzallo ha dovuto riconoscere ufficialmente il figlio, è stata affidata a una struttura protetta. E nel naufragio, da cui la donna è scampata, lunedì scorso, potrebbero essere 50 i migranti scomparsi in mare. I cadaveri recuperati sono 5, compreso il bimbo. Lo scafista potrebbe essere morto o essere stato salvato dalla Guardia Costiera libica. Lo dice la polizia di Ragusa dopo aver ascoltato le dichiarazioni dei superstiti nell’ambito delle indagini dello sbarco, avvenuto a Pozzallo.

Dj Fabo, al via processo con video choc
Per dimostrare le condizioni fisiche in cui si trovava Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, morto col suicidio assistito in una clinica svizzera, e la lunga agonia a cui sarebbe andato incontro nel morire senza supporto medico-farmacologico, in aula a Milano verrà proiettato il video choc dell’intervista rilasciata dal 40enne a «Le Iene». Lo hanno chiesto e ottenuto i pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini nella prima udienza del processo a Marco Cappato imputato per aiuto al suicidio davanti alla Corte d’Assise. Il processo potrebbe arrivare a sentenza già tra gennaio e febbraio, dopo due udienze, il 4 e il 13 dicembre, dedicate all’ascolto dei pochi testimoni, tra cui anche il medico-anestesista Mario Riccio che seguì il caso Welby, la madre e la fidanzata di Antoniani (non erano in aula), e alla proiezione del video choc.

Reporter aggredito, arrestato Roberto Spada. Accuse per lesioni aggravate da contesto mafioso
Roberto Spada è stato arrestato dai carabinieri in relazione all’aggressione del giornalista Rai. Spada è stato in seguito portato nel carcere di Regina Coeli dopo essere stato fermato con le accuse di lesioni aggravate e violenza privata con l’aggravante di aver agito in un contesto mafioso. «Il fermo di Roberto Spada è la dimostrazione che in Italia non esistono zone franche», dice il ministro dell’Interno Marco Minniti, che ringrazia la Procura della Repubblica di Roma e l’Arma dei Carabinieri.

Bologna, ragazza stuprata. Il prete: «Non provo pietà». Poi chiede scusa
Le parole di don Lorenzo Guidotti corrispondono «a opinioni sue personali, che non riflettono in alcun modo il pensiero e la valutazione della Chiesa, che condanna ogni tipo di violenza». Così l’arcidiocesi di Bologna, guidata da monsignor Matteo Zuppi, interviene sulle polemiche suscitate dal post del parroco che sulla sua pagina facebook aveva commentato in maniera impietosa la violenza subita da una ragazza di 17 anni in un vagone della stazione, dopo una serata in cui si era ubriacata. «Mi spiace - aveva scritto il sacerdote - ma… Se nuoti nella vasca dei piranha non puoi lamentarti se quando esci ti manca un arto… Ma dovrei provare pietà? No!! Quella la tengo per chi è veramente VITTIMA di una città amministrata di ***». Sempre la Curia bolognese ha diffuso una dichiarazione di scuse di don Lorenzo Guidotti. «Io col mio intervento ho sbagliato, i termini, i modi, le correzioni. Non posso perciò che chiedere scusa a lei e ai suoi genitori se le mie parole imprudenti possono aver aggiunto dolore, come invece accadrà leggendole».

Economia, previsioni Ue: ripresa Italia accelera nel 2017, poi rallenta fino al 2019
«La ripresa economica in Italia accelera nel 2017 grazie alla domanda esterna e domestica, ma i venti di coda in rallentamento e le più basse prospettive di crescita nel medio periodo modereranno la crescita» nei prossimi due anni. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche d’autunno, che rivedono al rialzo il Pil 2017 a 1,5% (da 0,9% previsto a maggio) e quello 2018 a 1,3% (da 0,9%). Il rallentamento però prosegue nel 2019, col Pil fermo a 1%. L’Italia per l’Ue resta ultima in Europa sulla crescita per tutto il nuovo periodo coperto dalle previsioni della Commissione Ue, cioè 2017,2018 e 2019. Solo il Regno Unito, che però viene per la prima volta escluso dalla tabella Ue-28, ha un andamento del Pil quasi uguale a quello italiano. È Malta invece il Paese europeo che cresce di più: +5,6% nel 2017, +4,9% nel 2018 e +4,1% nel 2019.

Catalogna, in carcere anche Carme Forcadell, presidente Parlamento catalano
È stata condotta in carcere Carme Forcadell, presidente del Parlamento catalano, dove trascorrerà le prossime ore. Dopo aver lasciato la sede del Tribunale supremo di Madrid è stata condotta verso il centro di detenzione per donne di Alcala Meco. Potrà tornare in libertà se pagherà una cauzione di 150mila euro. Libertà su cauzione di 25mila euro anche per altri membri della presidenza del Parlamento Lluís Corominas, Lluís Guinó, Ramona Barrufet e Anna Simó. Hanno una settimana per pagare. Sono tutti sottoposti a indagine per ribellione, sedizione e malversazione. Negli interrogatori tutti hanno indicato che la dichiarazione di indipendenza del 27 ottobre aveva un valore politico e simbolico, ma non giuridicamente vincolante in quanto non pubblicata nel Giornale Ufficiale del Parlament.

Vertice Apec, attesa per l’incontro tra Trump e Putin
I presidenti di Stati Uniti e Russia sono entrambi attesi in Vietnam in occasione del vertice Apec (Asia Pacific Economic Cooperation). Il consigliere del presidente russo ha parlato di un incontro atteso nella giornata di venerdì. Più cauti gli americani. Da Washington, il segretario di Stato, Rex Tillerson, ha precisato che il bilaterale «è ancora in esame». Molti i dossier da passare in rassegna, dopo che le relazioni tra i due Paesi si sono fatte più tese. La Casa Bianca ha di recente imposto nuove sanzioni contro Mosca che ha risposto dimezzando la presenza diplomatica nel Paese.

Ospedale Bambino Gesù, separate gemelle siamesi algerine, stanno bene
Intervento eccezionale all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma: sono state separate due gemelle siamesi di 17 mesi unite per l’addome e il torace. Le bimbe Rayenne e Djihene sono arrivate con i loro genitori dall’Algeria e sono state separate lo scorso 7 ottobre. Ora stanno bene. L’intervento ha richiesto 10 ore di camera operatoria e alternanza di 5 équipe per un totale di 40 persone, guidate da Alessandro Inserra, direttore del Dipartimento Chirurgico. È il secondo caso nella storia dell’Ospedale. Il primo oltre 30 anni fa. Si tratta di uno dei pochissimi casi di separazione di siamesi effettuati in Italia. Per preparare l’intervento sono stati realizzati modelli e stampe 3D delle gemelle.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook
Le foto dell’Amico su Flickr
L’Amico su YouTube
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy



Copyright © 2000-2017 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253