Pubblicità
Testata


Mercoledì 6 dicembre 2017

Belluno, presentato al Prefetto il "Piano inverno" di E-Distribuzione






Si articola in una serie di attività e procedure operative volte a prevenire e gestire in maniera rapida ed efficace le possibili conseguenze di perturbazioni intense.

Iscriviti alla Newsletter

Garantire la gestione coordinata di eventuali emergenze dovute al maltempo invernale: è questo l’obiettivo dell’incontro che si è svolto oggi, mercoledì 6 dicembre, tra Prefettura ed E-Distribuzione, la società che gestisce la rete di distribuzione dell’energia elettrica del Gruppo Enel. Nel corso della riunione si è fatto il bilancio delle attività svolte in passato e si sono definite le linee operative per la prossima stagione invernale.

In particolare, E-Distribuzione ha presentato il ’Piano Inverno’ preparato per fronteggiare emergenze dovute a perturbazioni particolarmente intense, diventate sempre più frequenti nel corso degli ultimi anni, con una serie di attività e procedure operative volte a prevenire e gestire in maniera rapida ed efficace le possibili conseguenze sulle linee elettriche di questi fenomeni meteorologici.
All’incontro, che si inserisce nell’ambito del Protocollo di Intesa per la gestione delle emergenze sul sistema elettrico firmato da Enel e Dipartimento della Protezione Civile, oltre al prefetto di Belluno, Francesco Esposito, hanno partecipato Roberto Zapelloni, responsabile E- Distribuzione Triveneto e Luca Tanzi responsabile Esercizio e Manutenzione Triveneto, Giovanni Rocchi, responsabile Enel Green Power Area Nord-Est e, per Enel, Michela Coletto, Affari Istituzionali Trivento.
Nel dettaglio, il Piano di E-Distribuzione prevede, oltre alle consuete attività preventive come le manutenzioni mirate, la formazione specifica del personale operativo, i controlli dei mezzi e delle attrezzature, l’attivazione tempestiva di task force specializzate, provenienti anche da altre regioni.

Inoltre, il Piano conta sulla tempestiva mobilitazione verso le zone interessate di gruppi elettrogeni, torri faro e mezzi speciali, tra cui elicotteri e droni, per consentire la ricognizione delle zone colpite anche quando la viabilità stradale è temporaneamente impedita. Accanto a queste operazioni, è prevista la messa in funzione di canali di comunicazione dedicati alle Istituzioni e alla clientela, per lo scambio di informazioni e il coordinamento, in un’ottica di massima vicinanza e ascolto del territorio.



Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook
Le foto dell’Amico su Flickr
L’Amico su YouTube
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy



Copyright © 2000-2017 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253