Pubblicità
Testata

Venerdì 23 novembre 2018 ‐ S. Clemente

Maltempo, la Provincia dà 4 milioni di euro alle Unioni montane bellunesi






Grosso contributo da Palazzo Piloni, che utilizza una parte dell’avanzo di amministrazione. Nella foto Massimo Bortoluzzi con Fabio Dattilo comandante nazionale Vvff.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Il primo grosso assegno per cominciare a mettere a posto i danni del maltenpo lo stacca la Provincia di Belluno: è intestato alle Unioni montane bellunesi e "pesa" ben quattro milioni. La variazione di bilancio è stata firmata martedì dal presidente della Provincia e sarà ratificata in Consiglio provinciale. Una buona boccata d’ossigeno a favore del territorio, soldi che renderanno possibili, per esempio, i pagamenti alle imprese che dall’indomani di quel lunedì 29 ottobre stanno operando in tutta la provincia per cominciare a riparare i danni del disastro. «È anche un segnale di fiducia verso gli amministratori delle vallate», afferma Massimo Bortoluzzi, il consigliere delegato che ha in mano la gestione del dopo-uragano a palazzo Piloni, «perché in questo modo la Provincia assegna ai territori la gestione delle maggiori urgenze. La Provincia, tanto maltrattata e bistrattata negli ultimi anni, c’è e fa la sua parte e si muove immediatamente a favore delle vallate».


Pubblicità

«Con questa importante assegnazione di risorse», spiega Bortoluzzi, «in Provincia alleggeriamo il nostro lavoro e diamo copertura finanziaria agli enti che non l’avevano. L’anno scorso avevamo erogato 800mila euro, avevamo previsto 1 milione e mezzo quest’anno ma siamo riusciti a portare a 4 milioni il nostro sostegno alle Unioni montane grazie all’utilizzo dell’avanzo di amministrazione», che viene sostanzialmente dai canoni idrici ed è vincolato a investimenti per la difesa del suolo. Vedranno le Unioni montane come spenderli: potrebbe essere anche per sistemare la strada forestale che permette di accedere a una zona dove occorre intervenire.

Era l’occasione giusta anche per rivedere la ripartizione proporzionale dei fondi, basata su un accordo con la Regione che faceva riferimento a una legge regionale del 1992. La legge stabiliva cinque criteri di valutazione che determinano un coefficiente su cui si basa la divisione delle somme: le percentuali fin qui in vigore sono state riviste alla luce del mutamento delle condizioni oggettive, in buona parte segnate dal grave spopolamento della parte alta della provincia, che è uno dei criteri (insieme con popolazione residente, superficie, altimetria, rischio frane). «Dovevamo scrivere la nuova convenzione», spiega Bortoluzzi, «e così abbiamo detto ai presidenti delle Unioni montane: facciamo la rivisitazione dei coefficienti». Tutti i presidenti si sono dichiarati d’accordo – con qualche mugugno – anche se è ovvio che la rivisitazione comporta che alcuni prenderanno di più, altri di meno. È logico che, rispetto agli anni scorsi, ne risenta la parte bassa della provincia. Comprensibile soddisfazione è stata espressa da Alessandra Buzzo, presidente dell’Unione montana del Comelico.

«Siamo andati avanti con le Unioni montane e non con i singoli Comuni», spiega Bortoluzzi, «perché con le Um c’è già una bozza di convenzione e si sa come gestire i fondi mentre sarebbe stato piuttosto complicato procedere Comune per Comune. Valuteranno e decideranno le vallate, noi abbiamo fiducia».

Ecco i nuovi coefficienti e le conseguenti erogazioni alle Unioni montane: Agordina 16,46% = 658.400 euro; Comelico 13,23% = 529.200 euro; Val Boite 12,73% = 509.200 euro; Centro Cadore 12,37% = 494.800 euro; Feltrina 11,94% = 477.600 euro; Cadore Longaronese Zoldo 9,57% = 382.800 euro; Belluno e Ponte nelle Alpi 9,06% = 362.400 euro; Alpago 8,80% = 352.000 euro; Val Belluna 5,83% = 233.200 euro.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253