Pubblicità
Testata

Lunedì 3 dicembre 2018 ‐ S. Francesco Saverio

L’Italia e il mondo, in un minuto (Sir)






Petrolio, Qatar lascerà l’Opec a gennaio, punta su gas. G20, accordo su dazi e commercio ma resta la spaccatura sul clima.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Petrolio, Qatar lascerà l’Opec a gennaio, punta su gas

Il Qatar ha annunciato che a gennaio lascerà l’Opec. Lo ha reso noto il ministro dell’Energia Saad al-Kaabi precisando che il Paese ha deciso di concentrarsi sulla produzione di gas. Il Qatar è l’undicesimo produttore di petrolio dell’Opec ed è il più grande esportatore al mondo di gas naturale, fa parte dell’Opec dal 1961. Secondo quanto scrive il Financial Times la decisione segue un peggioramento dei rapporti di Doha con i suoi vicini: quattro Stati arabi - Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain ed Egitto - hanno interrotto i rapporti commerciali con il Qatar l’anno scorso accusando l’emirato di appoggiare il terrorismo.


Pubblicità

G20, c’è accordo su dazi e commercio. Ma resta la spaccatura sul clima

Tregua tra Stati Uniti e Cina dopo la cena tra Donald Trump e Xi Jinping a Buenos Aires, al termine del lavori del G20. La Casa Bianca ha confermato che i due leader hanno concordato una tregua di 90 giorni sui dazi, durante i quali Stati Uniti e Cina i proseguiranno i negoziati. E se al G20 c’è stato un accordo sul commercio, resta la spaccatura sul clima. Nella dichiarazione finale si legge come i Paesi firmatari dell’accordo di Parigi, tranne gli Stati Uniti, confermano l’intesa come ’irreversibile’ e affermano che gli impegni previsti devono essere ’pienamente attuati’ pur rispettando le differenze esistenti da Stato a Stato. «Riaffermiamo il nostro impegno a utilizzare tutti gli strumenti politici per una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva e per salvaguardare i rischi di ribasso, intensificando il dialogo e le azioni per rafforzare la fiducia», è scritto nel comunicato. Ma nel paragrafo successivo si sottolinea invece che gli Usa ribadiscono la propria decisione di ritirarsi dall’accordo.



Andalusia al voto, «vincono» i socialisti, l’estrema destra entra in Parlamento

Nelle elezioni regionali in Andalusia, la sinistra perde la maggioranza, mentre l’estrema destra entra per la prima volta in Parlamento. Il Partito socialista (Psoe) si conferma prima forza politica con 33 Deputati, tuttavia lontano dalla maggioranza assoluta di 55 seggi. Per la prima volta, il Partito di destra Vox conquista seggi nell’assemblea regionale, eleggendo 12 deputati.



Cop24, in 65mila in piazza a Bruxelles per la difesa del pianeta

Una marea umana ha invaso ieri il quartiere delle istituzioni europee a Bruxelles. Erano oltre 65mila le persone che hanno partecipato alla manifestazione contro i cambiamenti climatici, proprio mentre in Polonia si apriva la Cop24, la Conferenza mondiale sul clima. Erano attese circa 20mila persone a Bruxelles, ma alla fine si è rivelata la più grande manifestazione sul clima mai tenutasi in Belgio.



Calabria, morto un ragazzo di 18 anni del Gambia in un incendio alla tendopoli di San Ferdinando

Un migrante 18enne proveniente dal Gambia è morto in un incendio sviluppatosi nella tendopoli di San Ferdinando, nella piana di Gioia Tauro, dove vivono centinaia di extracomunitari. Secondo quanto si è appreso, il rogo, che ha distrutto due baracche, si sarebbe sviluppato in seguito a un fuoco acceso in una delle baracche da qualcuno tra i migranti per riscaldarsi dal freddo della notte. La vittima, Souaro Jaiteh, è morta carbonizzata. Probabilmente, secondo i soccorritori, il ragazzo stava dormendo in una delle due baracche distrutte dal fuoco e non si è accorto delle fiamme che divampavano. «Era venuto in Italia un anno fa - racconta Soumbu Jaiteh, il fratello di Souaro - e la sua ambizione era studiare. E adesso non c’è più».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253