Pubblicità
Testata

Giovedì 6 dicembre 2018 ‐ S. Nicola di Bari

A Lambioi due colonnine per la ricarica delle auto elettriche






L’inaugurazione oggi, giovedì 6 dicembre. È il primo servizio di questo tipo offerto in città sui parcheggi pubblici.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Sono state attivate nella mattinata di oggi, giovedì 6 dicembre, le due colonnine di ricarica per auto elettriche installate da Bellunum al parcheggio di Lambioi, a lato dell’ingresso delle scale mobili. Ad effettuare la prima carica è stata la nuova auto elettrica di servizio in dotazione alla società partecipata dal Comune di Belluno, che verrà utilizzata per lo "scassettamento" dei parcometri e per i controlli nei parcheggi cittadini.


Pubblicità

«È il primo servizio di ricarica che offriamo in città sui parcheggi pubblici», spiega l’assessore all’ambiente, Stefania Ganz. «Sarà sicuramente uno strumento utile per chi verrà a visitare la nostra città, visto che i residenti possessori di auto elettrica hanno già un punto di ricarica in abitazione, e che consentirà di ridurre l’inquinamento cittadino». A spiegare la funzionalità delle colonnine è Davide Lucicesare, amministratore unico di Bellunum: «Sono praticamente delle prese elettriche alle quali è possibile collegare la propria auto elettrica. Il loro utilizzo è a pagamento, ma, contrariamente a quanto avviene in altre realtà, facciamo pagare il solo consumo dell’energia, mentre l’accesso, l’uscita e il tempo di occupazione sono gratuiti».

Gli unici costi sono quindi quelli per il parcheggio e per l’energia erogata, pari a 0.35 euro a Kw: «I pagamenti possono essere effettuati tramite carta di credito o tramite una app sullo smartphone», continua Lucicesare. «Le colonnine possono erogare fino ad un massimo di 15 Kw, ripartiti tra i due strumenti, e il tempo di ricarica è variabile: dipende dal tipo di auto e dalla carica residua; per l’auto che abbiamo in dotazione, un’utilitaria, il tempo di ricarica completa è di circa 8 ore». Il costo delle due colonnine di ricarica è stato di 7mila euro.

«Migliora sicuramente la qualità dell’aria in città», afferma Lucicesare, «soprattutto nel caso di auto che fanno viaggi brevi o molte soste e ripartenze, come nel caso della nostra auto di servizio, a basse velocità. A livello globale però non è la soluzione energetica migliore». Concorda l’assessore: «L’auto elettrica è sicuramente una delle alternative, nel grande mondo della mobilità sostenibile», spiega Ganz. «Ma non può essere l’unica: è impensabile di sostituire tutte le auto "tradizionali" con mezzi elettrici. Chiaramente, in città l’uso dell’auto elettrica è benefico per la qualità dell’aria, ma resta il problema della produzione: se per la produzione dell’energia vengono infatti usate fonti rinnovabili, allora si tratta di un processo verde, ma se invece l’energia elettrica viene creata da centrali termoelettriche a combustibili fossili, dove comunque c’è una combustione e un’immissione in atmosfera di CO2, allora abbiamo semplicemente spostato il problema».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253